Menu

Al Brancaleone con una lomo

Cosa ci faccio con una macchina fotografica analogica in mano al Live Performing Meetting di Roma? Appena entrata al Brancaleone ho ricevuto in prestito una lomo Diana con il flash.

Che occasione fantastica.  Sono conquistata dalla fisicità di questa macchinetta, tutta in plastica e fornita di pellicola e scatto foto a performer vj e dj. Chi mi ha prestato la lomo è Vj Fubah, direttore Creativo dell’ambasciata Lomografica di Milano, che al meetting più interessante italiano di live video performer, lancia la provocazione sulla materia analogica e  la sfida della pellicola e degli strumenti low-tech con lo slogan : The future is Analogue.
Una rivendicazione per dire che gli artisti possono usare tecnologie vecchie e nuove e mescolare il tutto a piacimento.  Anzi, più il digitale è pervasivo nella società più gli artisti si allontanano dall’estetica hight-tech.

Un diritto che sembra essere ben presente nella community dell’ LPM, che nasce attorno a flxr.net nel 2001. Ognuna delle quattro giornate del meetting è stata dedicata a tematiche diverse.
La prima è stata praticamente uno statement dell’iniziativa che ha riunito dibattiti sul tema delle libertà digitali: un cappello generale che racchiude questioni legate all’open source, al diritto d’autore e all’hacking in collaborazione con REFF.  Per conoscere i risultati di questa giornata sarà pubblicata un’intervista a Oriana Persico.

I video performer più sensibili ai sottogeneri della musica elettronica hanno accompagnato venerdì i suoni 8bit ed elettropop: dal nintendo al vocoder, perché giocare da adulti è  più divertente. Il sabato è stata la giornata della musica club elettronica con le “immagini in movimento” attive per stimolare il dance floor interpretando musica breackbeat, tecno e electro. Un’attenzione particolare è stata data domenica per i progetti dedicati alla cultura queer indipendente : musica, performance e soprattutto video queer.  Ho fatto qualche domanda a Gianluca del Gobbo e a Nikky, ideatori e organizzatori di LPM che pubblicherò a breve per tirare le somme dell’evento.

Simona Lodi