Menu

Cosa vi ha ispirato Market Forces a Share Festival?

market2

Cari amici,
stiamo smontando le mostre ed  è  arrivato il momento dei saluti e delle partenze. Ci sentiamo un po’ svuotati senza supermercati, shopdropping, palline che si incontrano casualmente, insetti elettronici, polvere magica, arte generativa, amici, esperti, conferenzieri, studenti, artisti, giornalisti e famiglie con tanti bimbi.

Questo è il momento di ringraziare gli ospiti e sentire da loro e da voi amici di Share Festival che cosa vi ha ispirato di più di questa edizione.

optofonica

Sappiamo già che è vi piaciuta molto la nuova sede del Museo Regionale di Scienze Naturali dove le mostre del festival, così come le conferenze e le performance dell’Orchestra Meccanica Marinetti hanno trovato un luogo ideale, per come avete costantemente affollato tutti gli appuntamenti del ricco programma.  Avete apprezzato anche l’Espace che ha accolto le performance musicali del progetto Optofonica, il laboratorio Quazza a Pazzo Nuovo per le conferenze di Digital Orbite e il tetaro di posa del Virtual Reality Mutimedia Park per non perdere una parola della conferenza Create.

Siete stati oltre seimila! Ci avete promosso come uno degli appuntamenti più importanti in Italia sul fronte delle arti digitali e dei new media.

Il ruolo di leadership contenutistica e di avanguardia delle prospettive del Piemonte Share Festival è stato sottolineato anche dall’attenzione da parte della stampa locale e nazionale, che ha presentato e seguito la manifestazione con parole sempre lusinghiere e spazi importanti.
Non sono stati solo gli approfondimenti teorici e le interessanti prospettive aperte dalle conferenze ad attirare voi tutti: anche l’aspetto più attivista del festival ha destato curiosità ed interesse. Lo shopdropping nelle strade del centro di Torino ha visto partecipare, oltre a Salvatore Iaconesi e Oriana Persico, che proprio al festival ha presentato l’installazione Squatting Supermarket, un folto gruppo di studenti, ecologisti e semplici curiosi.

Anche il suicidio virtuale su Facebook vi ha conquistato: sono stati oltre 1.000 gli utenti del più popolare fra i social network a fare seppukoo e oltre 15.000 gli accessi al sito www.seppukoo.com dopo il lancio al Piemonte Share Festival!

“Torino è la capitale del futuro”, titolava a cinque colonne nelle pagine nazionali di cultura La Stampa: insieme al Piemonte Share Festival altre due manifestazioni fanno parte di Digital Orbit, un progetto della Regione Piemonte per sottolineare il ruolo di leader della regione nell’ambito delle nuove culture legate all’ICT. Insieme a View Conference e a Club To Club e con Create, Piemonte Share Festival rende il Piemonte più vicino al futuro.

Da domani vi invitiamo a seguire il post-festival con il feedback dagli artisti e conferenzieri, foto e video.

Scoprirete cosa ha ispirato Market Forces per il prossimo futuro alle persone che hanno partecipato.

L’ultimo appuntamento extra-festival è al PAV sabato  28 novembre per il workshop di Ennio Bertrand. A seguire alle 18.00 ci sarà un incontro per tirare le conclusioni in vista della la sesta edizione del festival, nel 2010!