Menu

Transmediale 11- RESPONSE:ABILITY

ability

transmediale.11, Festival Internazionale di Arte e Cultura Digitale, avrà luogo alla Haus der Kulturen der Welt a Berlino dall’ 1 al 6 febrraio 2011.
Il titolo di quest’anno RESPONSE:ABILITY transmediale.11 vuole riflettere su come viviamo in relazione a Internet. Il network sta diventando allo stesso tempo una risorsa ad alta competizione e con lo sviluppo dei social network siamo partecipi di un aumento delle connessioni-live. transmediale.11 si chiede quali possibilità di azione ci siano per gli utenti di Internet in seguito al Web 2.0.

Il Festival è organizzato attraverso diverse piattaforme che includono mostre, conferenze, eventi, workshop e video-screening.

Durante la cerimonia di apertura, il 1 febbraio alle ore 18.3o alla Haus der Kulturen der Welt per la prima volta a transmediale una personalità digitale non-umana parteciperà all’evento! Derrick de Kerckhove presenterà il suo figlio Angel_F (http://www.angel-f.it), un’applicazione spyware creata da Salvatore Iaconesi e Oriana Perisco, nata da una relazione tecnologico-sensuale tra lui e Biodoll. A seguire la performance audiovisuale DUST di Herman Kolgen e l’apertura degli spazi espositivi.

herman_kolgen

Curata da Ela Kagel, The Open Zone è un’esperimento sociale basato sull’arte con Free Culture e l’Open Web. Nel foyer dell’ HKW si crea una città modello dove le condizioni strategiche della cultura del’open-internet sono esaminate e possono essere testate dal pubblico.Con Heath Bunting, Open Design City Berlin, Elizabeth Stark, kom.post collective, Ursula Endlicher, Christopher “moot” Poole, Evan Roth e molti altri.

La HacKaWay Zone, curata da Stephen Kovats, è una piattaforma dove i complessi sistemi tecnologico e sociali sono criticamente decostruti e ricostruiti per rivelare nuove e alternative possibilità. Tra gli artisti Paul Vanouse, HONF, UBERMORGEN.COM, Ei Wada as well e Fair Use Trio.

SyncExistence è un video screening curato da Marcel Schwierin, dove il focus principale è una riflessione
sulle modalità in cui il cinema del xx secolo ha contribuito a creare un senso di simultaneità, ubiquità e accellerazione. Tra gli artisti partecipano Lynn Hershman Leeson, Ho Tzu Nyen, Sergei Komarov, Wolf Vostell, Camille Verbunt e lo  ArabShorts project.

Il programma delle performance LIVE:RESPONSE curato da Sandra Naumann, si situa sulla zona di confine tra il mondo vero e la sfera dei media. Con live performances di Herman Kolgen, People Like Us, Cécile Babiole & Vincent Goudard, Eboman e Preslav Literary School.

Con il titolo BODY:RESPONSE – Biomedial Politics in the Age of Digital Liveness, curato da Markus Huber. il programma di conferenze di quest’anno investiga il fenomeno della biologizzazione dei media e l’ibridazione degli spazi reali e virtuali. Con esperti internazionali quali Franco ‘BIFO’ Berardi, Maurizio Lazzarato, Salvatore Iaconesi, Les Liens Invisibles, Alessandro Ludovico, Paolo Cirio, Eric Kluitenberg, Derrick de Kerckhove e Jordan Crandall.

Durante la Awards Ceremony del 5 febbraiao  2011 saranno nominati i vincitori dei tre premi.
transmediale e CTM (club transmediale) hanno lavorato in sinergia per presentare nel transmediale Award lavori che rispondessero alle sfide della tecnologia digitale in rapida evoluzione e della cultura del network. Tra gli artisti nominati Share Festival sostiene Les Liens Invisible che hanno presentato per la prima volta i l loro progetto Seppukko.com (htttp://www.seppukko.com) a Share Festival 2010.
Il Vilém Flusser Theory Award promuove una innovativa teoria dei media e progetti di ricerca basati sulla pratica che esplorino le correnti posizioni dell’arte e della cultura digitale.
L’ Open Web Award, in collaborazione con la fondazione Mozilla, sarà presentato per la prima volta. Fino al 4 febbraio è possibile votare per i tre lavori selezionati sulla piattaforma di Mozilla Drumbeat (http://www.drumbeat.org/open-web-award-finalists-voting) : booki di Adam Hyde, Graffiti Markup Language di Evan Roth and THIMBL del gruppo artistico Telekommunisten.

http://www.transmediale.de