Menu

Open Meeting: “Art, activism, new media”

5 novembre – h 15.00 – Museo Regionale di Scienze Naturali – via Giolitti 36, Torino

ARVE Error: id and provider shortcodes attributes are mandatory for old shortcodes. It is recommended to switch to new shortcodes that need only url

ARVE Error: id and provider shortcodes attributes are mandatory for old shortcodes. It is recommended to switch to new shortcodes that need only url

Il 5 novembre Share Festival dedica una giornata di ricerca nel campo dei tactical media, cioè della fusione di arte, media, politica e attivismo culturale e all’analisi critica delle nuove forme di protesta sociale e la loro dimensione mediatica.

Un’occasione per ripercorrere la storia dell’attivismo mediatico. Fin quando dagli anni 90 i tactical media emersero negli ambienti artistici e attivisti, sono stati trasformati in un movimento che ha sfidato chiunque a produrre i loro mezzi di comunicazione a sostegno della loro lotta politica. Un attivismo mediatico che ha intuito la distinzione tra le proteste di piazza e la rappresentazione mediatica, tra la ‘strada’ come realtà e i ‘media’ come rappresentazione.

Una giornata per analizzare come le nuove forme di protesta sono influenzato dalle immagini e messaggi multimediali distribuiti via internet, telefoni cellulari, social media, piattaforme internet video e, naturalmente, media tradizionali come giornali, radio e televisione. Dalla ‘twitter-rivoluzione’della ‘primavera araba’alle proteste europee degli indignados includendo la saga di Wikileaks.

La giornata è soprattutto un incontro aperto a tutte le persone che vogliono contribuire con un proprio intervento in modo libero e aperto al dibattito. Anche un’occasione per affermare che la cultura non chiude, apre le porte alle persone, alla comunità, alla gente, per esserci, per dare l’occasione di partecipazione e discussione. Una risposta di presenza di una comunità, per domandarci quale sostenibilità è possibile? Come si vive ? Quale è la realtà delle persone? Per chiedere a voi da che parte siete: Guardia o Ladro?

Parteciperanno:
Dmytri Kleiner : sviluppatore di software, lavora su progetti legati all’economia politica di Internet. Nato in URSS, Dmytri è cresciuto a Toronto e ora vive a Berlino stabilmente. È uno dei fondatori del Collettivo Telekommunisten, impegnato in progetti artistici che esplorano il modo in cui le tecnologie della comunicazione hanno relazioni sociali già predeterminate al suo interno, come ad esempio deadSwap (2009) e Thimbl (2010). Definisce se stesso come un “ventur communist”.

Franca Formenti: WIKIFOOD (http://www.wikifood.es) è un social network che focalizza l’attenzione su alcuni protagonisti della nostra società contemporanea quali la lingua e il cavo orale. Il sistema che WIKIFOOD offre sarà il solo modo per fruirne ed arrivare a conoscere una ricetta segreta. Decriptare l’immagine e scoprire il testo nascosto è un invito a riflettere sul concetto di privacy attraverso stimoli ludici e culinari.

Annette Wolfsberger ,Nata in Austria, Annette ha lavorato negli ultimi dieci anni in Olanda e Gran Bretagna. Annette ha lavorato per diversi festival d’arte in Austria, prima di trasferirsi ad Amsterdam per lavorare al Melkweg (www.melkweg.nl) come direttore di produzione. Attualmente vive ad Amsterdam dirigendo la produzione di Sonic Acts, che si svolge ogni anno alla fine di febbraio.

Giovanni Ziccardi, presenterà in anteprima nazionale il progetto di Osservatorio sui Diritti Umani e la Resistenza Elettronica nell’Era Digitale dell’Università degli Studi di Milano.