Menu

Screening Video: JMAF

GIOVEDI’ 28 OTTOBRE
Museo Regionale di Scienze Naturali – Secondo Piano
>>> ore 21.00 Proiezione Video selezionati dal 13th Japan Media Art Festival
Share Festival collabora con il Japan Media Art Festival presentando su grande schermo uno sguardo sulla creatività video del Giappone contemporaneo. Uno screening costituito da 3 parti, che coprono diversi aspetti del linguaggio video: entertainment, arte e animazione. I video sono inoltre visibili su una postazione screening ogni giorno dalle 10 alle 23 al secondo piano del Museo Regionale di Scienze Naturali.

Opere selezionate al tredicesimo Media Arts Festival del Giappone:

Hibi No Neiro (Sonorità quotidiane)
NAKAMURA Magico /
NAKAMURA Masayoshi /
KAWAMURA Masashi /
Hal KIRKLAND

“Quali sono le cose davvero importanti per noi in questo mondo sommerso da percezioni dei valori molto diverse?” La risposta a questa domanda espressa attraverso la canzone avrebbe dovuto rimanere la stessa nonostante le evoluzioni che la nostra società ha subito. Questo video musicale è stato realizzato montando materiale video che è stato girato da ammiratori e ci ha regalato la sensazione di entrare in contatto con le persone.
0:03:51

tone of everyday

Sonorità quotidiane

OGRE YOU ASSHOLE “Pinhole”
MONNO Kazue / NAGATA
Takeshi (TOCHKA)

Il video musicale ritrae i membri della band OGRE YOU ASSHOLE mentre organizzano un picnic su un minuscolo pianeta. A fine giornata, si mettono a cantare e a suonare continuando fino all’alba con strumenti musicali fatti di fasci di luce.
0:03:46

TOWA TEI Mind Wall
Feat. Miho Hatori
NAKAMURA Takeshi

Sciogliamo le nostre catene mentali e liberiamoci; lasciamoci trasportare dal flusso naturale della vita come nel sogno di un bambino.
0:04:00

mindwall

Mind Wall

Tomica Hero Rescue Fire
IWAMOTO Akira
Questo progetto è nato con lo scopo di creare una nuova tipologia di eroe per i bambini, che rappresentano il nostro futuro. La missione degli eroi, in questo programma, non è sconfiggere i nemici bensì salvare la gente dalle calamità. Gli ideatori del programma hanno organizzato il lavoro in modo da poter produrre le puntate settimanali usando effetti speciali digitali in qualità cinematografica perchè possano essere distribuite a livello internazionale.
0:06:08

Rescue Fire

Rescue Fire

The Last Piece -Chapter of Kyosuke Kijima-
MIZUNO Takanobu
Nella società moderna ognuno si trova ad affrontare molti problemi. The Last Piece racconta, attraverso una serie di video musicali, incidenti misteriosi che capitano alla gente. Nel primo episodio, un giovane NEET, disoccupato e sfaccendato, di nome KIJIMA Kyosuke incontra una creatura aliena che gli si presenta davanti all’improvviso.
I disegni sono animati eppure trasmettono un’impressione di naturalezza e calore.
0:02:35

grained time
GOSHIMA Kazuhiro
Quest’opera cerca di rappresentare ogni fotografia come un fotone che si imprime nella retina e di esprimere i granelli di sensazione immagazzinati come “riconoscimento”. L’opera si suddivide in due fasi la prima è uncertain camera, una macchina fotografica inaffidabile, che accumula scatti presi da prospettive diverse, mentre la seconda fase si concentra sul fattore luce cercando di intercettare le ombre create dall’illuminazione proveniente da una singola fonte per delineare lo spazio.
0:13:00

Parallel
Owen Eric WOOD
La ricerca di un significato insito nell’atto creativo è al crocevia tra arte e filosofia. Fotografia, illustrazione e video si fondono per raccontare la storia di un artista che si mette alla ricerca di un fine nell’atto creativo. Nello sforzo di ricostruire la propria identità, l’artista si trova invischiato in una sorta circolo di autoperpetuazione dell’espressione artistica dove il confine tra realtà e percezione non è più chiaramente delineato.
0:07:27

Alone
Gerard FREIXES RIBERA
Nel cinema tradizionale, gli eroi hanno sempre un atteggiamento individualista. In questo lavoro l’individualismo è portato all’estremo tanto da permettere al protagonista di un vecchio western di agire in completa solitudine.
0:03:06

French Lessons
Vanessa LOUZON
Ispirato alla vicenda dei suoi genitori, questo cortometraggio narra la storia di una giovane donna polacca che incontra un giovane ragazzo francese e abbandona il grigiore dell’Europa dell’Est negli anni Settanta per Parigi. La regista ha ritagliato e adattato immagini prese da una grammatica di francese che era appartenuta alla madre e da una vecchia cartina stradale dell’Europa di suo padre per dare vita a una storia nuova che, attraverso i cliché di una lezione di lingua, parla della vita moderna, di sradicamento e di sogni infranti.
0:07:00

The Cable Car
Claudius GENTINETTA /
Frank BRAUN

Mentre sorvola in funivia qualche località montana, un uomo comincia a starnutire. E all’improvviso ecco che nella funivia si apre una crepa sempre più profonda. L’uomo però è lungi dall’accettare il suo destino.
0:06:44

The Cable Car

The Cable Car

ANIMAL DANCE
OKAWARA Ryo
L’animazione, illustrata a mano, raffigura il dinamismo della vita. Ogni movimento e azione degli esseri viventi diventa una danza sincronizzata con la musica.
Il film fa largo impiego delle tecniche di animazione 2D come la visualizzazione, l’unione di immagini e la metamorfosi delle forme.
0:05:00

Lizard Planet
JOKO Tomoyoshi
Una lucertola circondata dall’acqua simboleggia la Terra che è composta sia dalla terra ferma che dai mari. Agli esseri umani abitare questa terra sembra piuttosto naturale. Ma la terra è sia un enorme organismo vivente sia un pianeta nell’universo infinito. Sarebbe gratificante se questo film lasciasse allo spettatore l’impressione che noi viviamo su un pianeta che, a sua volta, conduce un’esistenza nello spazio.
0:05:00

METROPOLIS
MIZUE Mirai
Metropolis è stato concepito come film d’apertura del SICAF nel 2009. L’espansione e la decadenza di una città in trasformazione sono descritti con l’uso di una tecnica che utilizza la carta millimetrata, tecnica che, di fatto, limita i movimenti nelle varie direzioni. Uno degli obiettivi di questo film è quello di enfatizzare le caratteristiche dell’animazione disegnata a mano utilizzando materiali pensati per la Computer Graphic.
0:04:45

Chisato stared
UEKUSA Wataru
In questo lavoro una linea riflette le emozioni e il tema è la sublimazione di un momento difficile e durevole, come la frase della canzone.
0:05:21

Organic
KOZUTSUMI Pon
Alla base di questo lavoro ci sono immagini di elementi primordiali e primari, il concetto di reincarnazione e di catena alimentare. È caratterizzato da un tratto minimalista, da un uso dei colori primari e dall’esclusione di elementi non necessari che lo rendono semplice e interessante. L’animazione stessa, creata solo con carta e penna, fa di per sé parte del mondo organico. La scena finale risuona per un tempo prolungato dando la possibilità ad ogni spettatore di riceverne un’impressione diversa.
0:04:00